Club Alpino Italiano – Comitato Scientifico Veneto Friulano Giuliano, stazione ferroviaria vittorio veneto.

#Stazione #ferroviaria #vittorio #veneto


Club Alpino Italiano Comitato Scientifico Veneto Friulano Giuliano

Il Comitato Scientifico Veneto Friulano Giuliano promuove, nei territori delle regioni Veneto e Friuli Venezia-Giulia, la conoscenza e lo studio degli ambienti montani nei loro aspetti naturalistici e umani, attraverso le attività di formazione, informazione e ricerca.

Dal capriolo al lupo il ritorno dei grandi mammiferi nelle nostre montagne

I cambiamenti avvenuti nelle nostre montagne negli ultimi 50 anni hanno favorito l’estinzione di alcune specie di animali molto importanti per l’ habitat montano, ma ora alcune di esse sono tornate…..

Giancarlo Ferron, scrittore e guardia forestale, ci parlerà di come è avvenuto il loro ritorno e della difficile convivenza con la comunità montana e non.

L’ incontro si terrà venerdì 18 maggio c/o il Centro Culturale Leonardo Da Vinci alle ore 20.30 ingresso libero

Corso di geografia sui gruppi Marmarole e Antelao

La Fondazione G. Angelini in collaborazione con le sezioni cadorine del CAI, ha organizzato per il periodo dal 6 al 8 luglio 2018, un corso di formazione interdisciplinare di geografia sui gruppi Marmarole e Antelao dal titolo:

“Aspetti geologici, geomorfologici, antropici e paesaggistici sui Gruppi Marmarole e Antelao. Sistema n. 5 di Dolomiti UNESCO”

E un corso interdisciplinare di Geografia, intesa come crocevia di scienze diverse, dedicato all’ambiente montano con escursioni sul territorio. Il corso si pone come obiettivo l’osservazione del paesaggio nella sua complessità tra elementi ambientali e culturali in relazione ed evoluzione nel corso del tempo, quale bagaglio di nozioni, idee ed esperienze personali da trasmettere come insegnanti ed accompagnatori.

I giacimenti minerari del Friuli VG e del Veneto

Montagne ferite: VI° corso monotematico alpinismo giovanile sezione CAI di Belluno e Longarone

La Prima guerra mondiale è stato un evento che ha cambiato la storia dell’Europa e che ha segnato indelebilmente anche le nostre montagne.

In occasione delle celebrazione del Centenario, le sezioni CAI di Belluno e Longarone desiderano offrire ai giovani un percorso grazie al quale scoprire i segni lasciati sulle Dolomiti dal conflitto, ricordando gli avvenimenti storici, ma soprattutto “rivivendo” vicende umane sopportate dai combattenti e dalla popolazione. La lettura del diario di Giuseppe Boschet, bambino che ha vissuto la guerra, sarà descrizione efficace degli effetti della guerra insieme alle pagine di diari di combattenti.

La visita di luoghi dove ancora sono visibili i segni del grande lavoro fatto dai combattenti offre l’occasione di riconoscere alle montagne la caratteristica di luogo della memoria, che merita rispetto e di cui tutti siamo responsabili.

Dal momento che la guerra nasce da un conflitto di “interessi”, sarà preso in esame, nelle uscite del corso, la gestione del conflitto che può diventare scontro aperto e fonte di rottura delle relazioni, ma che può essere superato.

Il successo degli scorsi anni e l’aumento dei partecipanti ha indotto le Commissioni a prevedere due corsi diversificati nel rispetto dell’età dei giovani: uno rivolto a soggetti dall’età di 6 anni agli 10, il secondo ai ragazzi dai 10 ai 17 anni in regola con il tesseramento CAI 2018. Le lezioni e le uscite sono distribuite da maggio a settembre.

La mostra CAI sul ritorno dei grandi carnivori in fiera a Longarone (BL)

Nel prossimo fine settimana il CAI con il suo gruppo Grandi Carnivori sarà presente alla Fiera Caccia Pesca e Natura& di Longarone (BL).

Sarà esposta la mostra Presenze Silenziose, ritorni e nuovi arrivi di carnivori nelle Alpi&; inoltre il gruppo sarà coinvolto nellorganizzazione di un interessante convegno sul Lupo sabato mattina 14 aprile nella sala congressi della fiera (vedi locandina qui a fianco).

Continua quindi il lavoro di mediazione del Cai e la volontà di voler creare sinergie e dialogo con tutti per perseguire la strada della coesistenza senza arroccarsi in posizioni ideologiche o chiuse.

Per i soci Cai inoltre è possibile, grazie alla disponibilità dellente fiera e della Provincia di Belluno, avere lingresso gratuito.

I Soci interessati ad accedere si devono presentare alla biglietteria della Fiera esibendo la tessera in ordine con il bollino 2018.Avranno in questo modo il biglietto per entrare. Sono disponibili solo 150 ingressi.

Raggiunta quella cifra si accederà pagando il regolare prezzo del biglietto.

Insetti in rete InNat due incontri il 9 e 10 aprile

Veneto Agricoltura e il Reparto Carabinieri Biodiversità di Vittorio Veneto hanno programmato un incontro formativo nell’ambito di “InNat: progetto per la promozione della Rete Natura 2000 e il monitoraggio a scala nazionale di specie di insetti protetti”, con lo scopo di coinvolgere in modo attivo tutti coloro che operano sul territorio forestale per raccogliere dati su insetti di importanza comunitaria e contribuire alla conservazione della biodiversità.

La riunione si terrà il prossimo 10 aprile 2018, presso il Museo dell’Uomo in Cansiglio (loc. Pian Osteria); il ritrovo è previsto alle ore 9.30 e l’appuntamento formativo durerà l’intera mattina (ore 13.00 circa). L’incontro sarà di tipo didattico, pratico ed interattivo e prevede la consegna di materiali.

Verrà illustrato il progetto InNat – Insetti in rete – sia a Cappella Maggiore (9 aprile ore 20,30) sia in Cansiglio (Museo dell’uomo Pian Osteria ore 9,30).

La partecipazione è estesa a chi può contribuire al buon esito del progetto.

È gradito un riscontro della partecipazione.

La geologia delle nostre montagne Un corso a Conegliano

Segnaliamo che la Sezione CAI di Conegliano ha realizzato un corso sulla “geologia delle nostre montagne” che avrà inizio lunedì 07 maggio 2018 alle ore 20.45 presso la sede della Sezione, in Via Rossini n.2/b a Conegliano (ndr. dietro la stazione ferroviaria).

L’evento è patrocinato dal Comune di Conegliano, dal Comitato Scientifico Veneto Friulano Giuliano e dalla Commissione Interregionale Veneto FVG TAM (Tutela Ambiente Montano).

Per maggiori info scaricare la brochure dettagliata.

Aggiornamento ONC 2018

L’acqua, fonte di vita per il nostro pianeta. Un bene dal valore inestimabile, ma che non sempre è usato in maniera responsabile. L’acqua è importante per lo sviluppo di svariati ambiti, ma l’acqua è sinonimo di vita. Dall’acqua ha avuto origine la vita sulla Terra e, senza di essa, si porrebbe fine all’esistenza dell’intero pianeta.

Vista l’importanza di questa risorsa, abbiamo voluto approfondire l’argomento dedicando all’acqua il prossimo corso di aggiornamento per Operatori Naturalistici e Culturali di 1° livello.

Sabato 15 e Domenica 16 settembre 2018


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*
*